Etichettatrici a confronto: le migliori in assoluto del 2020, caratteristiche indispensabili

1
2
3
4
5
Brother PT-H107B Etichettatrice Portatile per Casa e Ufficio, fino a 12 mm, Velocità di Stampa...
DYMO LabelManager 160, Tastiera QWERTZ (Importato dalla Germania)
DYMO Etichettatrice LetraTag LT-100H + Nastro da 12mm x 4m
DYMO LabelManager 160 Stampante per etichette a trasferimento termico 180 x 180 DPI
Dymo LetraTag LT-100H Starter Kit per la creazione di etichette | Macchina etichettatrice palmare...
Brother PT-H107B Etichettatrice Portatile per Casa e Ufficio, fino a 12 mm, Velocità di Stampa fino...
DYMO LabelManager 160, Tastiera QWERTZ (Importato dalla Germania)
DYMO Etichettatrice LetraTag LT-100H + Nastro da 12mm x 4m
DYMO LabelManager 160 Stampante per etichette a trasferimento termico 180 x 180 DPI
Dymo LetraTag LT-100H Starter Kit per la creazione di etichette | Macchina etichettatrice palmare |...
9.4/10
9.4/10
9.2/10
9/10
9/10
Brother
DYMO
DYMO
DYMO
DYMO
OffertaBestseller No. 31
Brother PT-H107B Etichettatrice Portatile per Casa e Ufficio, fino a 12 mm, Velocità di Stampa fino...
Brother PT-H107B Etichettatrice Portatile per Casa e Ufficio, fino a 12 mm, Velocità di Stampa...
Velocità di stampa fino a 20 mm/secStampa su etichette serie TZe da 3,5 mm a 12 mm.Funzionalità di Auto Design per etichette preconfigurate con cornici e simboli
9.4/10
Bestseller No. 32
DYMO LabelManager 160, Tastiera QWERTZ (Importato dalla Germania)
DYMO LabelManager 160, Tastiera QWERTZ (Importato dalla Germania)
Schermo LCD, lunghezza massima etichetta: 1.2 cmTipo di banda magnetica: D1; Tastiera QWERTZ (tedesco)Tasti di formattazione veloce (grassetto, corsivo, verticale, sottolineato, imballato)
9.4/10
OffertaBestseller No. 33
DYMO Etichettatrice LetraTag LT-100H + Nastro da 12mm x 4m
DYMO Etichettatrice LetraTag LT-100H + Nastro da 12mm x 4m
Con 5 diverse dimensioni dei caratteri, 7 stili di stampa e 8 diversi tipi di corniciVisualizza la resa dei caratteri sul display grafico prima della stampaCon memoria da 9 posizioni per le tue etichette preferite e possibilità di stampa su due righe
9.2/10
Bestseller No. 34
DYMO LabelManager 160 Stampante per etichette a trasferimento termico 180 x 180 DPI
DYMO LabelManager 160 Stampante per etichette a trasferimento termico 180 x 180 DPI
9.0/10
Bestseller No. 35
Dymo LetraTag LT-100H Starter Kit per la creazione di etichette | Macchina etichettatrice palmare |...
Dymo LetraTag LT-100H Starter Kit per la creazione di etichette | Macchina etichettatrice palmare...
9.0/10

Premesso che, spesso, si tende a considerare come “migliore” un oggetto che soddisfi pienamente le nostre aspettative, nondimeno, questo stesso oggetto deve possedere determinate caratteristiche che lo rendano così apprezzabile.

Quali sono le caratteristiche indispensabili per fare di una etichettatrice non-industriale un buon prodotto?

Una etichettatrice è un macchinario in grado di stampare etichette.

Potrebbe servire per produrre semplici etichette monocromatiche per uso lavorativo o anche domestico.

Potrebbe, diversamente, dover stampare etichette elaborate e disegni colorati su diversi materiali di consumo.

Potrebbe essere indispensabile potersela portare appresso durante il lavoro.

Potrebbe, al contrario, essere necessario collocarla in una postazione fissa a disposizione di più utenti contemporaneamente.

Andiamo ad analizzare le diverse caratteristiche vedendo quali aspettative possono soddisfare.

La stampa

Le etichettatrici possono stampare sia etichette in bianco e nero che a colori. Questo dipende in gran parte dal metodo di stampa con cui lavorano.

La stampa termica diretta: fa uso di particolari nastri cartacei termosensibili che, scaldati dalla testina di stampa, cambiano colore producendo l’etichetta.

ASPETTI POSITIVI:

  • È il sistema più economico per stampare etichette, per lo più monocromatiche.
  • Fa uso di un unico nastro che, scaldandosi, diventa di fatto etichetta.
  • I nastri sono disponibili in 3 versioni, non-protetto, protetto, sintetico, l’ultimo dei quali crea etichette resistenti all’acqua o comunque ad agenti atmosferici, idonee quindi per spedizioni aeree, navali o di una certa importanza.
  • È un sistema che privilegia l’economicità e la praticità per etichette destinate ad una vita breve, fino all’arrivo a destinazione.

ASPETTI NEGATIVI:

  • L’assortimento abbastanza limitato dei nastri termosensibili, per lo più monocromatici, solo in alcuni casi bicolori, rosso e nero.
  • La vita relativamente “breve” delle etichette, per chi avesse necessità di stamparne di durature, tenendo comunque bassi i costi.
  • La testina di stampa, a contatto diretto con il materiale di consumo, è soggetta a maggior usura.

La stampa a trasferimento termico: in questo caso, la testina di stampa va a scaldare un nastro inchiostrato o carbongrafico, chiamato ribbon, che trasferisce l’inchiostro disciolto sul materiale di consumo.

ASPETTI POSITIVI:

  • L’eterogeneità e la versatilità delle etichette che possono nascere dalla combinazione fra i diversi colori e le varie componenti dei ribbon ed i possibili materiali di consumo.
  • È un sistema che privilegia la creatività, la pluralità di applicazione delle etichette, a scapito dell’economicità.
  • I nastri, in cera, cera-resina e resina, in un vasto assortimento di colori e sfumature, possono stampare sui materiali più diversi: carta, pvc, vinile, poliestere, TNT, creando etichette anche resistenti ad acqua, strappi, agenti atmosferici, graffi, sostanze corrosive.
  • La testina di stampa, non a diretto contatto con il materiale di consumo, rimane più protetta da usura, polvere ed altri pulviscoli residui che tende a soffrire.

ASPETTI NEGATIVI:

  • Il maggior costo dei materiali, sia dei ribbon inchiostrati che dei vari materiali di consumo, su cui vengono stampate le etichette.

Due sono le caratteristiche strettamente connesse  alla stampa: la sua qualità e la velocità; non tanto legate al sistema adottato, quanto al livello qualitativo del dispositivo nel suo insieme.

La qualità di stampa

È un parametro misurato in punti o pixel (DPI, PPI) di colore contenuti in un pollice, cioè in una linea di 2,54 cm.

Più questo valore sarà elevato, più lo sarà la risoluzione, cioè la qualità, della stampa.

È una caratteristica particolarmente importante per chi voglia creare prodotti personalizzati, più o meno elaborati, ma comunque attraenti da un punto di vista visivo o per chi abbia necessità che le etichette siano ben definite in modo da risultare chiaramente leggibili da appositi scanner, come nel caso dei codici a barre.

Generalmente, è anche un fattore inversamente proporzionale alle dimensioni delle etichette, nel senso che una definizione più bassa risulta sempre meno evidente su una etichetta di dimensioni ridotte.

La velocità di stampa

Anche questo è un aspetto che ha la sua importanza se la priorità è la produzione di quantitativi consistenti di etichette nel minor tempo possibile, per evadere volumi importanti di posta e documentazioni giornaliere.

Non a caso, viene generalmente misurata o in etichette al minuto o in millimetri stampati al secondo.

Nel primo caso, per chi abbia bisogno di una produzione veloce e standardizzata, nel secondo, per coloro che prediligano l’elaborazione e la qualità, sacrificando, piuttosto, la velocità.

Un altro aspetto che fa la differenza, in funzione dell’utilizzo che si intende fare di una etichettatrice, è il suo modello.

In questo senso le etichettatrici possono essere palmari o con desktop.

I modelli palmari

Sono studiati e messi a punto per essere facilmente portati dove occorre: in magazzino, all’aperto, in deposito.

Sono compatti, ergonomici, provvisti di piccolo schermo per controllare il testo dell’etichetta e di tastiera per digitarla.

A seconda dei modelli, questa è provvista di più o meno pulsanti che aprono piccoli menu con selezioni pre-impostate di font, formattazione, personalizzazioni varie per rendere comunque piacevole e particolare l’etichetta.

Possono avere lo schermo touch oppure un menu a frecce per spostarsi facilmente fra le varie opzioni.

Al proprio interno custodiscono le batterie che li fanno funzionare e, a seconda del metodo di stampa usato, il nastro termosensibile oppure il ribbon con il rotolo di etichette.

Sono perciò anche in grado di stampare etichette colorate su vari materiali, che, tuttavia, restano limitate nelle dimensioni finali. Infatti, data la compattezza del dispositivo nel suo insieme, non è comunque in grado di alloggiare nastri che possano stampare etichette più larghe di 2 cm.

Per etichette di dimensioni più grandi bisogna prendere in considerazione un altro tipo di etichettatrice.

I modelli con desktop

Questi modelli sono in grado di produrre etichette di dimensioni più grandi, superando anche i 6 cm di larghezza.

L’altezza rimane sempre un valore più flessibile anche se abbastanza standardizzato, nei rotoli fustellati.

Le etichettatrici con desktop sono di dimensioni e peso più consistenti, generalmente a collocazione fissa, anche perché, sovente, alimentate a corrente.

Sono messe a punto per stampare quantitativi più consistenti di etichette, di dimensioni più grandi e riescono a riprodurre anche bozzetti più elaborati.

Nella maggior parte dei casi, necessitano di un dispositivo esterno (pc o tablet) e di un software per mettere a punto la presentazione dell’etichetta.

Quest’ultimo è spesso allegato al momento dell’acquisto dell’etichettatrice, che  solitamente lavora, tuttavia, anche con i normali programmi dei pacchetti office o accetta e converte file immagine provenienti dai software più popolari e diffusi.

Anche le etichettatrici con desktop alloggiano al proprio interno i nastri termosensibili o i ribbon ed i rotoli di etichettte, in base al sistema di stampa con cui funzionano.

Alcuni modelli più attuali e di fascia alta di prezzo possono ospitare batterie al litio ricaricabili o avere una piccola tastiera e una maniglia per essere agevolmente trasportati.

La connettività

Un altro elemento che può fare la differenza, quanto a qualità del prodotto, è la sua connettività, soprattutto in riferimento ai modelli con desktop e solo a talune  versioni palmari.

Infatti, una etichettatrice collegabile a PC o tablet tramite cavo USB può consentire l’accesso ad un solo utente per volta; diversamente la possibilità di una connessione wireless o bluetooth permetterebbe il simultaneo collegamento di più soggetti, caratteristica che potrebbe risultare indispensabile in un ufficio con più impiegati.

Per concludere

Ciò che rende un oggetto migliore rispetto ad un altro è spesso un fatto soggettivo, legato alla più o meno completa soddisfazione delle proprie aspettative.

Nel caso di una etichettatrice, le caratteristiche fondamentali si possono così riassumere:

  • MODELLO PALMARE: Pratico, di dimensioni ridotte, per lo più a batterie, trasportabile, etichette piccole
  • MODELLO CON DESKTOP: Postazione fissa, alimentazione via cavo, quantitativi sostenuti, etichette più grandi
  • STAMPA TERMICA DIRETTA: Economica, semplice e funzionale, monocromatica
  • STAMPA A TRASFERIMENTO TERMICO: Più costosa e versatile, a colori, su un’ampia gamma di materiali di consumo

Tutte queste caratteristiche sono combinabili fra loro. 

Legate poi alla qualità del dispositivo e all’affidabilità della casa produttrice sono la definizione dell’etichetta, la velocità di stampa, la connettività ed i software supportati.

Classifica dei Migliori Prodotti

1 Brother PT-H107B Etichettatrice Portatile per Casa e Ufficio, fino a 12 mm, Velocità di Stampa fino...

Brother PT-H107B Etichettatrice Portatile per Casa e Ufficio, fino a 12 mm, Velocità di Stampa...

  • Velocità di stampa fino a 20 mm/sec
  • Stampa su etichette serie TZe da 3,5 mm a 12 mm.
  • Funzionalità di Auto Design per etichette preconfigurate con cornici e simboli
2 DYMO LabelManager 160, Tastiera QWERTZ (Importato dalla Germania)

DYMO LabelManager 160, Tastiera QWERTZ (Importato dalla Germania)

  • Schermo LCD, lunghezza massima etichetta: 1.2 cm
  • Tipo di banda magnetica: D1; Tastiera QWERTZ (tedesco)
  • Tasti di formattazione veloce (grassetto, corsivo, verticale,...
3 DYMO Etichettatrice LetraTag LT-100H + Nastro da 12mm x 4m

DYMO Etichettatrice LetraTag LT-100H + Nastro da 12mm x 4m

  • Con 5 diverse dimensioni dei caratteri, 7 stili di stampa e 8 diversi tipi di cornici
  • Visualizza la resa dei caratteri sul display grafico prima della stampa
  • Con memoria da 9...
4 DYMO LabelManager 160 Stampante per etichette a trasferimento termico 180 x 180 DPI

DYMO LabelManager 160 Stampante per etichette a trasferimento termico 180 x 180 DPI

  • Schermo LCD, larghezza etichetta: 6 mm, 9 mm, 12 mm
  • Tipo di banda magnetica: D1; Tastiera QWERTY
  • Tasti di formattazione veloce (grassetto, corsivo, verticale, sottolineato,...
5 Dymo LetraTag LT-100H Starter Kit per la creazione di etichette | Macchina etichettatrice palmare |...

Dymo LetraTag LT-100H Starter Kit per la creazione di etichette | Macchina etichettatrice palmare...

  • Il Kit per la creazione di etichette include una stampante di etichette Dymo e 3 bobine di nastro...
  • 2 righe di stampa, 5 dimensioni di carattere, 7 stili di stampa, 8 stili di...
Back to top
Apri Menu
etichettatricemigliore.it